Categorie
Eleganza Eleganza femminile Fashion Italiano Moda Moda Donna

Come utilizzare i dischetti di cotone?

Condividi
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Oggi un articolo diverso, si tratta sui dischetti di cotone..

Alcune settimane fa ho letto un post su Instagram nel profilo di Ioamoilmioparrucchiere (acconciature e trucco per matrimoni) che i dischetti di cotone, si, quelli che di solito usiamo per struccarci, sfregano e di conseguenza rovinano la pelle a causa dei fili di cottone di cui sono composti.

Io questa cosa non la sapevo e non l’avevo nemmeno immaginata, sapevo che le salviette struccanti facevano questo ma dei dischetti di cotone non l’avrei mai detto.

Molte di noi abbiamo la zona del viso molto delicata e quindi a questo punto ve li sconsiglio!

Ci hanno consigliato di usare, per struccarci meglio, un batuffolo di cotone da usare con l’acqua micellare o il latte detergente, oppure meglio ancora utilizzare detergenti che siano in forma di burro, olio o mousse in modo da poterli applicare con le mani.

Io poche settimane prima ne avevo comprati 2 confezioni da 120 ognuno e così sono andata alla ricerca di diverse forme di utilizzo dei dischetti di cotone.

Qui ti lascio alcune idee che ho scoperto:

– Da usare come salva tallone. Mettere un dischetto piegato in 2 formando una mezzaluna dietro il tallone e fissarlo con il cerotto adesivo, tenerli per il tempo che la scarpa si ammorbidisca e prenda la forma.

– Per gli amanti delle piante, per far germogliare i semi.

– Freddi per le occhiaie.

– Per pulire i pennelli tra un ombretto e l’altro.

– Imbevuto con oli essenziali per profumare i cassetti o armadi.

– Per dividere le dita dei piedi quando si fa la pedicure e si stende lo smalto.

Conoscevi già tutti questi utilizzi?

Se conosci un altro modo di utilizzare i dischetti di cotone, e se ti fa piacere, lo puoi scrivere nei commenti.

Alla prossima.

Besos

Link dell’articolo:

https://www.ruthstylemakeup.com/usi-alternativi-dei-dischetti-di-cotone/

Ruth Sanchez

Consulente d’immagine e Makeup

Ti è piaciuto l'articolo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *